Cosa vuol dire “BUON VICINATO”, ed in concreto… cosa si sta facendo?

“ho avuto fame, ho avuto sete…” (Mt 25,35-40) 

.

Costruiamo insieme la rete di aiuto e solidarietà che una Comunità cristiana deve mettere al primo posto! 

Come puoi collaborare? Istruzioni per l’uso:

  • Segnala situazioni di bisogno di tua conoscenza chiamando il numero dedicato, oppure inviando una mail all’indirizzo della Parrocchia;
  • Porta generi alimentari a lunga scadenza in chiesa alla seconda domenica del mese;
  • Con un tuo contributo economico nella terza domenica del mese oppure su conto corrente (i dati li trovate sui volantini);
  • Aiuta direttamente un tuo vicino di casa, secondo i bisogni.

La Parrocchia intende avviare anche una Adozione di vicinanza per personalizzare l’aiuto alle famiglie fragili con minori.

Contiamo davvero sulla Vostra generosità!  GRAZIE.

.

È da più di un mese che si parla del progetto Carità nel tempo della fragilità e ci sembra doveroso informare come si procede e cosa si fa:

è stato avviato un gruppo di lavoro costituito e formato dal parroco don Danilo e cinque laici che stanno operando nel pieno rispetto della privacy. Questo gruppo si trova per esaminare le situazioni di difficoltà e fragilità, non solo economiche, in cui si trovano persone e nuclei familiari della nostra Comunità che hanno segnalato la loro condizione tramite il numero di cellulare 347.9278274 o tramite contatto diretto con il Parroco.

Si lavora in sinergia e contatto con il Centro di Ascolto della Caritas per capire meglio certe situazioni e soprattutto per evitare doppi interventi.

Purtroppo, anche nella nostra piccola Comunità la crisi attuale ha messo in difficoltà alcuni nuclei familiari nel soddisfacimento di bisogni primari quali affitto, bollette gas o energia elettrica. Pertanto, in alcune situazioni dopo attente riflessioni si è intervenuto con modalità appropriate e nei casi “economici” attingendo dal Fondo di sostegno Parrocchiale che oltre a quanto ha versato la Diocesi viene alimentato dai contributi che si raccolgono in chiesa o pervengono direttamente da donazioni.