LA CARITA’ NEL TEMPO DELLA FRAGILITA’

È questo il titolo di un documento redatto collettivamente da varie persone, con i contributi degli Uffici diocesani, delle presidenze del consiglio pastorale diocesano, del Consiglio Presbiterale dei vicari foranei e del Consiglio Episcopale; è insomma un documento corale della diocesi e donato alle parrocchie perché lo facciano proprio, sensibilizzando tutta la comunità alla carità, vero distintivo del cristiano in quanto vero volto di Dio (cfr. “Deus Caritas est” di Benedetto XVI).

Partendo dalla pandemia che ha colpito il mondo intero e prendendo spunto dai capp. 27 e 28 degli Atti degli Apostoli, il documento ci invita a riscoprire la Carità verso le persone fragili, tenendo presente che accanto alle consuete fragilità (es. povertà, mancanza del lavoro, mancanza di istruzione, immigrazione ecc.) ce ne sono altre provocate dalla pandemia (es. difficoltà nel gestire i figli che non frequentano la scuola in presenza, mancanza di sicurezza del posto di lavoro, difficoltà di relazione per le persone sole ecc,). Senza entrare nel dettaglio del documento ma presentandolo a grandi linee (più in basso c’é il link al testo integrale) vediamo che le comunità sono invitate ad esercitare la carità verso i più fragili con due grandi modalità:

Ringraziamenti ricevuti dal CENTRO AIUTO per la VITA (C.A.V.)

Se ricordate, il 6 e 7 febbraio scorso, in occasione della Festa mondiale della Vita nella nostra Parrocchia è stata organizzata dal Gruppo Fraternità, Catechiste e animatrici una raccolta giocattoli per bambini.

Estendiamo ora a tutti la lettera di ringraziamento che ci è pervenuta e che potete leggere nell’allegato.

“Dove vuoi che prepariamo la Pasqua?” (Mt. 27, 17_19)

.

Anche quest’anno ai di gruppi di I.C. è stato proposto, per il periodo di Quaresima, la creazione nella propria casa dell’“angolo bello”, uno spazio di ritrovo e preghiera in famiglia. L’iniziativa è stata accolta con grande partecipazione ed entusiasmo come si può vedere dalle numerose foto arrivate!

.

Buona SETTIMANA SANTA a tutti

Le catechiste

.

P.S.

Aggiungiamo di seguito i bellissimi lavori pervenuti fin’ora.

Comunicazione da don Danilo e dal Consiglio Pastorale

Il sostegno della Diocesi per l’attuale emergenza sanitaria:


È un progetto promosso dal Vescovo Claudio che ha suddiviso tra le Parrocchie parte della somma (ex 8 per mille) che la CEI aveva destinato alla Diocesi per l’emergenza sanitaria.
Nello stesso tempo il Vescovo chiede alle varie Comunità Parrocchiali di (possibilmente) raddoppiare la somma ricevuta, mediante una specifica raccolta fondi al fine di aumentare le
possibilità di aiuto economico nei confronti delle persone, in questo momento, più “fragili”.
L’auspicio del Vescovo Claudio è che la Comunità tutta, apra gli occhi sulla propria realtà sociale e che ogni cristiano colga i bisogni delle persone che vivono accanto a lui. Si faccia operatore di bene con lo spirito del BUON VICINATO mediante l’incontro, la fraternità, l’accoglienza e l’eventuale aiuto materiale per mezzo del Fondo di Sostegno Sociale Parrocchiale appositamente costituito e sostenuto dalla generosità comunitaria.
Anche la nostra Parrocchia – che ha ricevuto dalla Diocesi la somma di € 3.500 – contribuirà all’iniziativa destinando al progetto le offerte che saranno raccolte nella terza Domenica del mese e che saranno devolute agli scopi di Carità e Sostegno Sociale tra cui gli aiuti a famiglie in difficoltà per il pagamento della retta alla nostra Scuola dell’Infanzia.
Per ulteriori informazioni chiamare il n. 347.9278274 oppure vedi l’apposito pieghevole qui allegato e/o rinvenibile alle porte della chiesa.

.

#distantimavicini

In questo periodo così delicato e complesso, vogliamo rimanere #distantimavicini pubblicando su questa pagina dei piccoli contributi per la riflessione personale che ci continuino a fare sentire comunità pur rimanendo nelle nostre case. Buona lettura!

SINODO DIOCESANO: la comunicazione del Vescovo Claudio alla Chiesa di Padova

Come tutti sapete, domenica 16 maggio, il Vescovo Claudio nel pomeriggio, in Cattedrale, celebrerà l’Indizione del Sinodo Diocesano

La nostra Parrocchia, rappresentata da Don Danilo e alcuni delegati, sarà presente nella Chiesa parrocchiale di Montegalda (Vicariati di Abano, Colli, Selvazzano) per partecipare alla celebrazione eucaristica al termine della quale – in collegamento con la Cattedrale – avverrà l’annuncio solenne da parte del Vescovo Claudio di questo grande e storico evento. Pensate il precedente Sinodo fu indetto nel 1947, esattamente 74 anni fa.

In allegato, nella seconda pagina, si acclude la lettera inviata dal Vescovo alle Comunità per illustrare l’evento e per chi volesse approfondire di più, può visionare un esauriente e ben fatto video su youtube:

https://youtu.be/J7QqMs4l6cg

S. MESSE a RUBANO

È possibile partecipare alle Funzioni religiose rispettando però le disposizioni di legge.


Ecco le indicazioni da rispettare, adattate alla nostra Chiesa S. Maria Assunta in Rubano

(Ad ogni Funzione Religiosa ci saranno dei volontari per assistere e dare informazioni)

.

REGOLE COMPORTAMENTALI

PER LA PARTECIPAZIONE ALLE FUNZIONI RELIGIOSE

  1. Nel recarsi in chiesa si dovrà evitare ogni assembramento sia nell’edificio sia nei luoghi annessi e nel sagrato.
  2. È vietato l’ingresso in chiesa ai fedeli con sintomi influenzali respiratori o in presenza di temperatura corporea pari o superiore ai 37,5°C.
    Inoltre, non è consentito l’ingresso a coloro che, nei giorni precedenti, sono stati in contatto con persone positive al virus Sars-Cov-2.
  3. L’accesso alla chiesa sarà contingentato e regolato da volontari muniti di dispositivi di protezione, guanti monouso e segni di riconoscimento. In questa fase è previsto un distanziamento di sicurezza tra i fedeli di metri 1.
  4. L’entrata dovrà avvenire solo dalla porta centrale e l’uscita solo dalle due porte laterali.
  5. All’ingresso sarà obbligatorio:
    indossare la mascherina;
    igienizzare le mani (il gel si troverà su apposito tavolino all’entrata).
    Si andrà poi ad occupare un posto contrassegnato dalla numerazione sul banco avendo cura di rispettare la distanza di sicurezza dagli altri fedeli di almeno un metro laterale e frontale.
    Le persone che abitano insieme dovranno rispettare le norme di distanziamento, fatta eccezione per i bambini che possono stare accanto ad uno dei genitori.
    L’ubicazione dei posti in piedi sarà contrassegnata sul pavimento.

Al momento della Comunione, il sacerdote o l’eventuale ministro straordinario, curata l’igienizzazione delle mani, indossati guanti e mascherina, offrirà l’Ostia consacrata senza venire a contatto con le mani dei fedeli. Per recarsi a ricevere la Comunione si percorrerà a senso unico il corridoio centrale e si farà ritorno dai corridoi laterali.

Non ci sarà lo scambio della pace. Non si potrà disporre di libretti o foglietti per i canti. Non è consentita la presenza del coro.

Anche in uscita e sul sagrato si dovranno mantenere i dispositivi di protezione individuale e la distanza di sicurezza prevista. Si conferma anche in questa occasione il divieto di assembramento.

La confessione avverrà in luoghi ampi e areati, con il distanziamento e la mascherina.
Le acquasantiere si manterranno vuote.

La Goretti non si ferma!

1-. Le dottoresse informano sul Virus con Corona.

La Goretti non si ferma. Le dott.sse informano sul virus con corona.

Attenzione attenzione le maestre sono a scuola ma i bambini non ci sono! Chi arriverà per sostenerle in questo momento difficile?!?1 episodio di "La Goretti non si ferma. Le dott.sse informano sul virus con corona"

Pubblicato da Scuola dell'Infanzia S.M. Goretti su Mercoledì 4 marzo 2020

Circolo SANTA MARIA ASSUNTA A.P.S.

Da gennaio 2020 è entrato in vigore il nuovo “Registro unico nazionale del Terzo settore” che riguarda anche i Circoli NOI che nelle Diocesi svolgono un servizio di gestione e coprogettazione Parrocchiale.

Nei mesi scorsi con alcune assemblee e diversi incontri tra le Diocesi ed il NOI nazionale, si è proceduto ad una verifica della pertinenza e della sostenibilità della forma giuridica dei Circoli, in ragione dell’architettura della Riforma. Un’operazione complessa e necessaria, data la modifica di alcune norme che tra l’altro non sono ancora state formulate nella loro completezza.

A valle della verifica delle singole realtà alcuni Circoli NOI hanno scelto di continuare, provvedendo all’adeguamento statutario e diventando quindi Associazioni di Promozione Sociale (di seguito denominata A.P.S.), mentre altre realtà chiuderanno, in favore dell’Oratorio parrocchiale con gestione fiscalizzata del punto bar. Nulla ovviamente cambia in ordine alla presenza essenziale e strategica dei volontari che offrono tempo ed intelligenza per la gestione degli Oratori: al venir meno della struttura democratica richiesta dalla legislazione delle associazioni di promozione sociale, si continua con altre forme direttamente parrocchiali, come accade nella maggioranza dei nostri Oratori.

Occorre fare attenzione alle procedure che richiedono precisione e competenza, per evitare periodi di illegalità.

Ricapitolando quindi, rispetto alle due fattispecie, si può proseguire solo in 2 modalità: chi continua come Circolo e chi invece procede alla chiusura e alla contestuale apertura con Partita Iva del “bar” dell’Oratorio parrocchiale.

Ma cosa cambia per i Circoli? Innanzi tutto bisognerà fare riferimento a tutte le ulteriori norme di gestione dell’Oratorio: da quelle igienico-sanitarie, a quelle che attengono alla sicurezza ed alle Assicurazioni, passando per la formazione degli operatori e non ultima con una fiscalità diversa. Non vi sarà più un Consiglio Direttivo ma un Consiglio di Amministrazione e vi sarà differenza tra Attività Istituzionali ed Attività Commerciali.

Per gli “utenti” non cambierà assolutamente nulla: finalità ed operatività restano invariate.

Ecco, in tutto questo prezioso e moderno cambiamento con orgoglio possiamo dire che il nostro CircoloNOI Santa Maria Assunta di Rubano si è adeguato ed è diventato Circolo Santa Maria Assunta A.P.S. e lunedì 28 ottobre u.s. si è svolto il primo Consiglio di Amministrazione dello stesso, di cui alleghiamo foto.

Ai nostri amici, che con tanto impegno e passione organizzano per noi ed i nostri figli proposte valoriali e di aggregazione, diciamo BUON LAVORO ed “in alto i cuori”!

ULTIMISSIME Scuola dell’Infanzia S. M. Goretti

L’IBAN della Scuola dell’Infanzia è cambiato. Il nuovo è:

IT21 W030 6909 6061 0000 0077 886